Si chiama Yusif Salia il cittadino gambiano fermato a Foggia per l’omicidio di Desirée Mariottini, la 16enne morte la notte del 19 ottobre in uno stabile abbandonato nel quartiere San Lorenzo di Roma. L’uomo è stato fermato grazie alla collaborazione delle squadre mobili di Roma e Foggia e del commissariato San Lorenzo, nel quartiere “ex pista” di Borgo Mezzanone. La zona è quella adiacente al Centro accoglienza richiedenti asilo, ove insiste un insediamento di cittadini extracomunitari che non hanno più titolo di essere ospitati nella struttura. Per tale ragione è stata interessata la squadra mobile di Foggia il cui personale, con i colleghi di Roma, ha trovato la baracca dove l’uomo si nascondeva.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Desirée Mariottini, arrestato anche il quarto uomo: è stato trovato a Foggia

next
Articolo Successivo

Roma, spara in strada a una 23enne. Poi chiama il 112: “Ho ucciso l’ex”. Fermato

next