Si chiama Yusif Salia il cittadino gambiano fermato a Foggia per l’omicidio di Desirée Mariottini, la 16enne morte la notte del 19 ottobre in uno stabile abbandonato nel quartiere San Lorenzo di Roma. L’uomo è stato fermato grazie alla collaborazione delle squadre mobili di Roma e Foggia e del commissariato San Lorenzo, nel quartiere “ex pista” di Borgo Mezzanone. La zona è quella adiacente al Centro accoglienza richiedenti asilo, ove insiste un insediamento di cittadini extracomunitari che non hanno più titolo di essere ospitati nella struttura. Per tale ragione è stata interessata la squadra mobile di Foggia il cui personale, con i colleghi di Roma, ha trovato la baracca dove l’uomo si nascondeva.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Desirée Mariottini, arrestato anche il quarto uomo: è stato trovato a Foggia

next
Articolo Successivo

Roma, spara in strada a una 23enne. Poi chiama il 112: “Ho ucciso l’ex”. Fermato

next