Si chiama Yusif Salia il cittadino gambiano fermato a Foggia per l’omicidio di Desirée Mariottini, la 16enne morte la notte del 19 ottobre in uno stabile abbandonato nel quartiere San Lorenzo di Roma. L’uomo è stato fermato grazie alla collaborazione delle squadre mobili di Roma e Foggia e del commissariato San Lorenzo, nel quartiere “ex pista” di Borgo Mezzanone. La zona è quella adiacente al Centro accoglienza richiedenti asilo, ove insiste un insediamento di cittadini extracomunitari che non hanno più titolo di essere ospitati nella struttura. Per tale ragione è stata interessata la squadra mobile di Foggia il cui personale, con i colleghi di Roma, ha trovato la baracca dove l’uomo si nascondeva.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Desirée Mariottini, arrestato anche il quarto uomo: è stato trovato a Foggia

prev
Articolo Successivo

Roma, spara in strada a una 23enne. Poi chiama il 112: “Ho ucciso l’ex”. Fermato

next