“Rispetto questa sentenza, non la commento ma voglio sottolineare che il 41 bis non si tocca“. Lo ha detto il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, a margine della presentazione del disegno di legge contro la violenza sulle donne, commentando la notizia della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo per il carcere duro a Provenzano. “Su questo c’è una lunga storia di confronto con l’Europa con cui siamo disposti a confrontarci. Tutto il mondo, non solo l’Europa ha da imparare dall’Italia in termini di normativa antimafia. Abbiamo le leggi più all’avanguardia che hanno dato i migliori risultati”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Processo Raggi, la sindaca interrogata risponde al pm: “Marra? Il suo ruolo era compilativo”

next
Articolo Successivo

Dl Sicurezza, Spataro: “Ci sono profili di incostituzionalità”. Su Claviere: “Furono gendarmi a controllare i due italiani”

next