Solo un anno fa in un’ordinanza con cui si ordinava l’arresto di un imprenditore il gip di Napoli aveva scritto che Michele Zagaria dla carcere poteva ancora influenzare il territorio. Oggi da Milano arriva la notizia che il boss del clan dei Casalesi vengono contestati episodi di violenza e minacce in carcere anche al direttore della struttura detentiva di Milano Opera. Durante un colloquio con un medico l’uomo ha detto: “Il direttore lo paragono a una busta dell’immondizia e io l’immondizia la butto fuori”. Zagaria ha anche preso a bastonate, distruggendole, le telecamere che lo tenevano sotto controllo in cella, rivolto minacce anche agli psichiatri e preso a schiaffi agenti. Il boss Zagaria inoltre è accusato di avere preso a schiaffi un agente, procurandogli lesioni.

Qualche mese dopo Zagaria è stato trasferito in un altro carcere, insieme con un altro detenuto scelto per avviare con lui un percorso di socialità. Il detenuto è accusato anche di minacce rivolte agli psichiatri: “…come hanno fatto mettere a me la busta in testa, così posso fargliela mettere a loro”. La Procura della Repubblica di Milano ritiene l’ex primula rossa del clan dei Casalesi responsabile di 11 episodi, tutti avvenuti nello scorso mese di maggio. Il detenuto avrebbe anche tentato di costringere un agente a omettere particolari nel suo rapporto relativi ad azioni violente: “Se quel rapporto esce dalla sezione io prendo 15 giorni di isolamento…deve cancellare dal rapporto la parte dove io le dico di avvicinarsi di più al cancello della cella per aggredirla, oppure deve strappare il foglio”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fondi, operazione antimafia nel mercato ortofrutticolo: sei persone gli arresti

prev
Articolo Successivo

Tony Colombo, spari contro la sua casa discografica: forse una vendetta per la love story con la vedova del boss

next