Loop, il primo tunnel di test di The Boring Company, sarà inaugurato il 10 dicembre prossimo a Los Angeles. Non è un tunnel della metropolitana, ma una “galleria” sotterranea per il transito ad alta velocità che promette di trasportare un veicolo a velocità fino a 250 chilometri all’ora, aggirando così l’intenso traffico della metropoli californiana.

Per chi non la conoscesse, The Boring Company è un’azienda di Elon Musk, visionario fondatore di Tesla e SpaceX. L’imprenditore fece molto parlare di sé per avere dato l’idea di Hyperloop, il super treno che in futuro ci farà viaggiare a velocità di oltre mille Km all’ora. Il contributo di Musk ad Hyperloop però riguarda solo l’idea iniziale, il progetto è in fase di sviluppo presso aziende non di proprietà di Musk. Differente è il progetto Loop, il tunnel oggetto di questa notizia, prodotto da un’azienda di Elon Musk.

Tunnel di test di Hawthorne. Crediti: The Boring Company

 

Pensate di dover raggiungere l’aeroporto alla periferia di una grande città: o usate l’auto rischiando di restare imbottigliati nel traffico, oppure vi affidate ai mezzi pubblici con tutto quello che segue in termini di lentezza e tempi d’attesa. Loop si propone di risolvere esigenze come questa, evitando i problemi delle linee di superficie. Secondo le promesse, un tratto che normalmente si percorrerebbe in 45 minuti potrebbe essere fatto in appena 5 minuti.

Un’idea che fa parte della più ampia visione di Musk sulla gestione del traffico cittadino: secondo il miliardario infatti è solo usando soluzioni come Loop che si risolverebbero molti dei problemi legati alla congestione del traffico nelle grandi metropoli. Il come è semplice: un mezzo di trasporto veloce a energia elettrica, una sorta di “pattino” protetto, potrà trasportare persone, merci e/o automobili. Secondo le informazioni pubblicate sul sito ufficiale, pedoni e ciclisti hanno priorità sulle automobili.

Il primo tunnel di test costruito con questa filosofia funzionerà sotto a Hawthorne, città della Contea di Los Angeles. Se saranno mantenute le promesse fatte da Elon Musk qualche mese fa, i biglietti a regime costeranno solo 1 dollaro. Il giorno successivo all’inaugurazione ci saranno corse gratuite per il pubblico, e la partenza è fissata proprio dalla sede di SpaceX a Hawthorne, in California.

Il progetto per Chicago. Crediti: The Boring Company

 

Un progetto simile a quello di Los Angeles dovrebbe realizzarsi a Chicago, con un tunnel che collegherà il centro città e l’aeroporto internazionale O’Hare. Anche se questa soluzione è meno avveniristica e fantascientifica di Hyperloop, in effetti potrebbe essere una brillante soluzione al problema del traffico cittadino. Sempre ammesso che scavando i tunnel non ci s’imbatta in reperti archeologici, cosa che negli Stati Uniti è rara, ma in Italia è un’eventualità da tenere sempre in considerazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Call of Duty: Black Ops IIII, il nuovo capitolo dello sparatutto convince tra novità al multiplayer e battle royale – Recensione

prev
Articolo Successivo

GreyEnergy è una delle minacce più pericolose per i sistemi informatici, può mettere KO anche le centrali elettriche

next