L’oro olimpico di discesa libera femminile, Sofia Goggia, si è infortunata in allenamento: il responso della visita alla clinica Physioclinic di Milano parla di una “frattura del malleolo peroneale destro”. Tradotto in pratica, i dottori Andrea Panzeri e Herbert Schoenhuber della Commissione Medica Fisi in accordo con l’atleta hanno deciso una terapia conservativa che prevede l’applicazione di un gambaletto gessato, sostituito successivamente da un apposito tutore per una durata complessiva di 4-5 settimane. La campionessa dello sci azzurro, impegnata con le compagne nella preparazione del gigante di apertura di Coppa del mondo a Soelden di sabato 27 ottobre, è caduta nel corso di una manche di gigante: ritornerà in pista solo nel mese di gennaio.

“Sono dispiaciuta per questo incidente di percorso, chiaramente mi costringe a ridimensionare un po’ gli obiettivi per i quali mi ero mossa finora, è un discorso che riguarda più il periodo a breve termine che a lungo termine”, ha detto la stessa Goggia. La 25enne bergamasca che da due anni trascina lo sci azzurro, dopo la vittoria alle Olimpiadi e quella della Coppa del mondo di discesa libera, stava preparando sulle piste austriache di Hintertux quella che poteva diventare la stagione della consacrazione. L’obiettivo, quella Coppa del Mondo generale che finora nessuna azzurra ha mai conquistato e che il grande Alberto Tomba è riuscito a vincere solo una volta, nel lontano 1995.

“Chiaramente non è una situazione facile, però è un infortunio abbastanza semplice nel senso che necessito solamente di rispettare i tempi di guarigione biologici dell’osso, devo essere brava a muoverlo un pochino per non far stare ferma completamente la caviglia”, ha spiegato Goggia dopo il responso dei medici sul suo infortunio. “Avrò cinque giorni di stop completo in cui cercherò di programmare al meglio la riabilitazione, cercherò di guarire nel miglior modo possibile e nel tempo giusto, dovrò avere un fisico perfetto quando rimetterò gli scarponi”, ha aggiunto fiduciosa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mondiali volley, in finale l’avversario più forte: la Serbia si presenta da favorita, ma l’Italia ha già smentito i pronostici

prev
Articolo Successivo

Mondiali volley femminili, vince la Serbia 3-2. L’Italia si arrende solo al tie-break

next