Un 20enne reatino è morto, questa mattina, in seguito alle ferite riportate in un incidente avvenuto durante una battuta di caccia al cinghiale nella zona di Santa Rufina-Cupaello, una frazione del comune di Cittaducale (Rieti).

Il giovane, intorno alle 10, è stato colpito al basso addome da un proiettile esploso da un compagno di battuta che si trovava nei pressi. Il 20enne, soccorso dal 118, è arrivato all’ospedale San Camillo de Lellis di Rieti in condizioni disperate, è stato subito sottoposto a un’operazione chirurgica, necessaria per fermare la forte emorragia che era in corso, ma non ce l’ha fatta.

Sull’accaduto indagano ora i carabinieri che stanno ricostruendo la dinamica dell’incidente, la procura di Rieti ha naturalmente aperto un fascicolo a carico dell’uomo che ha esploso il colpo con l’ipotesi di reato di omicidio colposo. Lo scorso 30 settembre un 19enne è morto in provincia di Imperia sempre durante una battuta di caccia al cinghiale. 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, Settecamini contro il nuovo Cas per 25 migranti. Casapound e residenti: “Abbiamo già i nostri problemi”

next
Articolo Successivo

Epidurale, mancano gli anestesisti: così in Italia il diritto a un parto dolce rimane solo sulla carta

next