Colpito all’addome da una fucilata, probabilmente scambiato per una preda: così un escursionista di 19 anni è morto nei boschi di Apricale, nell’Imperiese, centrato da un cacciatore durante una battuta di caccia al cinghiale. Da quanto si apprende, la vittima si chiamava Nathan Labolani ed era residente a Apricale. Il cacciatore, un 29enne residente a Ventimiglia, è stato portato dai carabinieri in caserma, dove si sta ricostruendo la dinamica dell’accaduto: è adesso indagato per omicidio colposo.

Sul luogo dell’incidente sono intervenuti i vigili del fuoco, il soccorso alpino e i medici del 118: era stato allertato anche un elisoccorso da Cuneo, che aveva accompagnato l’equipe medica direttamente sul posto, ma per il diciannovenne non c’è stato niente da fare. La prima ipotesi è che il cacciatore abbia scambiato la vittima per una preda e avrebbe esploso un colpo dalla propria Winchester ferendolo al braccio e sulla parte posteriore sinistra dell’addome: il colpo lo ha passato da parte a parte, rivelandosi mortale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lecce, litiga con i vicini e spara: 3 morti. La confessione: “Parcheggiavano davanti a casa, questa storia doveva finire”

prev
Articolo Successivo

Vimercate, 82enne uccide la moglie a coltellate e tenta la fuga

next