A chi dobbiamo credere tra Salvini e Di Maio? Ho l’impressione che entrambi stiano cercando di decidere chi debba perdere la faccia, quando probabilmente il Consiglio dei ministri ritirerà alcune delle cose più invereconde di questo condono“. Così, a Otto e Mezzo (La7), il direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, commenta la convulsa giornata di ieri, contrassegnata dai botta e risposta dei due vicepresidenti del Consiglio, Luigi Di Maio e Matteo Salvini.
Travaglio fa una rapida cronistoria dei fatti: “Questo governo sta in piedi perché c’è un contratto tra le due forze politiche. Il contratto non fa alcun cenno a nessuno dei tre punti controversi. Lunedì pomeriggio, prima del Consiglio dei ministri si è tenuto un pre-vertice tra Conte, Salvini, Di Maio e i loro rispettivi esperti. E i 5 Stelle dicono che non vogliono nessuna di quelle tre cose. Dopodiché si fa con due ore di ritardo il Consiglio dei ministri, mentre i tecnici del Mef inseguono con dei foglietti informali il Consiglio, anche con la fretta di dover finire entro la sera. I tecnici del Ministero dell’Economia cercano di tradurre in bella copia l’accordo politico stipulato poco prima. Il ministro Tria” – continua – “mette a bilancio come proventi del condono 180 milioni di euro, che sono una miseria e compatibili solo con un condono minuscolo. Nella conferenza stampa dopo il Cdm, né Conte, né Tria, né Salvini, né Di Maio fanno accenno alcuno a quei tre punti controversi. Il Quirinale riceve una bozza informale di questo accordo e la rimanda indietro con una cancellatura, dicendo che non era d’accordo con la depenalizzazione dei reati di riciclaggio e di dichiarazione fraudolenta. A quel punto, Di Maio scopre che il testo è diverso da quello dell’accordo politico e si mette a strillare”.
Il direttore del Fatto aggiunge: “Gli altri dicono a Di Maio che, invece, sapeva tutto. E’ assolutamente illogico che uno dica no nel contratto, no nel pre-vertice, no dopo, per poi dire di sì soltanto durante il Consiglio dei ministri. E’ evidente che o non si sono capiti oppure che qualcuno ha fatto il furbo. Quindi, è venuto meno il rapporto di fiducia tra i due alleati e questo rischia di minare seriamente la maggioranza di governo“.
Riguardo all’evento M5s di oggi e di domani, Italia 5 Stelle, Travaglio osserva: “Immagino che per la loro reputazione i vertici del M5s riusciranno a evitare i pomodori, se nel Consiglio dei ministri toglieranno quelle tre cose alle quali dicono di aver sempre detto di no. Se ne lasceranno qualcuna, in nome della mediazione e del compromesso, qualche pomodoro glielo tireranno. Mi unirei ai lanciatori anche io se partecipassi a questa festa“.
Il giornalista, infine, definisce “schifezza” il condono edilizio per le case abusive a Ischia, condono inserito nel decreto Genova: “Se, come insinua Salvini, è vero che l’hanno voluto i 5 Stelle, è una porcata aggiuntiva. Quindi, la maggioranza gialloverde ha un ottimo strumento per cancellarla. Il decreto Genova dovrà essere convertito il legge entro 60 giorni da quando è stato varato in Parlamento, è sufficiente che tolgano quella norma allucinante. Così ci risparmieremmo sia il condono fiscale, sia il condono edilizio, cioè due piccioni con una fava. Sarebbe magnifico”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Leopolda, Boschi: “Scontro M5s-Lega? Faranno pace e torneranno a spartirsi poltrone”. Poi taglia corto sul Congresso

prev
Articolo Successivo

Manovra, Meli vs Bifarini: “Lei è economista come Diego Fusaro è filosofo”. “Lei odia l’Italia, lasci il Paese allora”

next