Negli ultimi 8 anni, il valore delle case è calato di oltre il 15%. A riportare questi dati poco rassicuranti sul mercato immobiliare residenziale è l’Istat, che dal 2010 rileva l’andamento dei prezzi sia delle nuove abitazioni sia di quelle già esistenti. Ed è proprio questa distinzione di cui bisogna tenere conto nell’analizzare il report dell’Istituto Nazionale di Statistica.

Segno + per le nuove abitazioni

Nell’arco di tempo preso in considerazione, non tutte le case hanno visto scendere il proprio valore di mercato: quelle di nuova costruzione, infatti, oggi sono più care dello 0,8% rispetto al 2010 e dell’1,6% rispetto al primo trimestre del 2018. Tuttavia, l’andamento positivo delle loro quotazioni non basta a risollevare il quadro nazionale, in quanto il peso di queste abitazioni sull’indice generale è poco più di un quinto. A influenzare in negativo i dati Istat sono piuttosto le vecchie abitazioni, il cui valore è sceso del 22,1% in otto anni e non mostra segnali di ripresa (-0,7% tra aprile e giugno 2018 rispetto allo stesso periodo del 2017).

A Milano prezzi delle case nuove in crescita non solo in centro 

Se i prezzi nel mercato residenziale italiano stentano complessivamente a crescere, come conferma anche l’Agenzia delle Entrate, le compravendite sono in aumento (+5,6% nel secondo trimestre del 2018). E questo andamento è confermato anche dal capoluogo lombardo, che nonostante la dinamicità del suo mercato immobiliare vede i prezzi fermi, specialmente nelle periferie. Per acquistare un bilocale di 65 mq a Milano oggi bisogna mettere in conto oltre 210 mila euro: il valore medio al metro quadro è infatti di 3.270 euro, ovvero la cifra più alta fra tutti i capoluoghi italiani, che cresce dell’1,5% nel delta giugno 2017-giugno 2018 e dello 0,4% se prendiamo in considerazione solo il secondo trimestre di quest’anno.Ma anche in questo caso dobbiamo distinguere tra case vecchie e nuove. Le seconde, infatti, mostrano una crescita più significativa anche a Milano e, contrariamente a quanto ci si potrebbe immaginare, non nel centro storico. Gli acquirenti privilegiano piuttosto la semiperiferia, che si può fare coincidere con l’area all’interno della Circonvallazione percorsa dall’autobus 90: qui il prezzo del mattone è salito del 5% da giugno 2017.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Come contenere i costi dell’affitto

next
Articolo Successivo

Aste immobiliari: dal 2013 l’offerta cresce del 23%

next