“Lo Stato non ha il potere di chiudere alcuna autostrada”. “No, ha tutto il potere di farlo e noi eseguiremo”. Continua la guerra di smentite tra il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, e Strada dei Parchi, concessionaria di A24 e A25. La miccia, l’allarme lanciato martedì dallo stesso Toninelli sullo stato di alcuni piloni dei viadotti delle due tratte che collegano Lazio e Abruzzo. Poi la risposta della società, con una lettera di diffida inviata al Mit in cui chiede lo sblocco dei 192 milioni per la messa in sicurezza. E il ministro che a margine dell’assemblea annuale di Confetra replica: “Noi la nostra parte l’abbiamo fatta, nel decreto Genova ci sono 50 milioni già pronti nel 2018 e 142 nel 2019″.

Con le opposizioni all’attacco e le richieste arrivate sia da Pd che da Fi di “prendersi la responsabilità” di quello che ha detto e quindi “adottare provvedimenti”, Toninelli si è difeso affermando che “lo Stato a causa della vecchia politica dei cosiddetti esperti non ha il potere di chiudere alcuna infrastruttura autostradale”. “Ma abbiamo fatto un’analisi straordinaria – ha continuato il ministro – una verifica che ho fatto fare io e mai fatta fare prima che ha dato delle risultanze”. Immediata la replica del vicepresidente di Strada dei Parchi, Mauro Fabris: “Se il ministro ha elementi per mettere in dubbio i nostri report che garantiscono la sicurezza dell’autostrada, ha tutto il diritto e il potere per ordinare a Strada Parchi provvedimenti o la chiusura: noi eseguiremo”.

La provocazione del numero due della concessionaria arriva al termine di un altro botta e risposta con il ministero sui fondi da destinare alla manutenzione. Strada dei Parchi ha chiesto “lo sblocco dei 192 milioni inseriti nel decreto Genova”. Si chiede di “voler adottare senza ulteriore indugio e comunque entro e non oltre 5 giorni ogni atto autorizzativo teso a consentire l’avvio di lavori urgenti o comunque ritenuti necessari, con ogni conseguente assunzione di responsabilità in caso di ulteriori ritardi e/o espresso diniego”, è quanto scritto nella diffida arrivata al ministero.

“Ci siamo espressi chiaramente perché vogliamo tutelare gli utenti di A24-A25 e perché non condividiamo l’allarmismo“. Così Fabris ha spiegato le ragioni della diffida. “Strada dei Parchi è sicura al traffico normale, tenendo presente però che il 60% delle infrastrutture in Italia non è a norma antisismica: il nostro gesto è necessario perché devono essere sbloccati i decreti autorizzativi che il ministero deve emanare”, ha aggiunto il vicepresidente della concessionaria. Che già negli scorsi mesi aveva avuto uno scontro il ministero, all’epoca guidato da Graziano Delrio, poiché i 192 milioni, secondo leggi emanate sotto l’esecutivo di Paolo Gentiloni, erano disponibili dal 2022. Ad aprile, il dominus della Vigilanza, Vincenzo Cinelli, ora indagato per il crollo del Morandi, come raccontato da Il Fatto Quotidiano aveva risposto: non fanno parte di quelli “emergenziali” e quindi “potranno essere adeguatamente considerati solo in occasione della formalizzazione del nuovo Piano economico finanziario”, che però è scaduto nel 2013 e da 5 anni è impantanato nella trattativa col ministero.

Ora quei soldi sono stati anticipati nel decreto Emergenze, con alcuni commi dell’articolo 16: “Quei viadotti devono essere attenzionati e scriveremo proprio oggi una lettera a Strada dei parchi dove diremo che devono mettere in campo azioni importanti sulla sicurezza e sono loro gli unici responsabili della sicurezza della gente che ci passa sopra”, ha replicato Toninelli. “Noi la nostra parte l’abbiamo fatta – sostiene il ministro – nel decreto Genova ci sono 50 milioni già pronti nel 2018 e 42 nel 2019. Quindi anche chi magari in Abruzzo sta protestando in realtà ci dovrebbe ringraziare, perché abbiamo fatto proprio quello che loro chiedevano. La priorità anche per loro e mettere in sicurezza quell’infrastruttura”, ha concluso.

Già nella serata di martedì, fonti del Mit avevano chiarito che “già da diverso tempo il ministro ha lanciato un serio allarme su quell’infrastruttura che ha anche visitato personalmente. Non è un caso che nel decreto Emergenze siano stati subito sbloccati i fondi per una messa in sicurezza ormai improrogabile. Peraltro, è giunta al ministero la relazione degli ispettori territoriali in cui si conferma la situazione critica di alcuni tratti dell’asse autostradale”. Per questo, spiegavano le fonti ministeriali, “è stato chiesto al concessionario di fare le verifiche di sicurezza“.

Intanto il Pd chiede per bocca di Stefania Pezzopane, della Presidenza del gruppo dei democratici alla Camera, che Toninelli “venga a riferire in Parlamento”. “Sblocchi subito i fondi per consentire l’avvio dei lavori necessari senza ulteriori ritardi e li prenda dal suo ministero non dalle risorse della Regione Abruzzo”, aggiunge la deputata. Sulla stessa linea anche il senatore del Pd Luciano D’Alfonso: “Se ci sono pericoli verificati si proceda di conseguenza, se servono lavori si procurino le risorse e si facilitino le procedure”.  Mentre in una nota congiunta i deputati di Forza Italia della Commissione Trasporti Diego Sozzani e Nino Germanà scrivono: “Caro ministro o le condizioni sono allarmanti o l’autostrada è sicura. Non ci sono terze vie. Toninelli per una volta si prenda delle responsabilità“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Prato, segretaria Lega: “Piste ciclabili? Fatte apposta per migranti. Pratesi non vanno in bicicletta, devono lavorare”

prev
Articolo Successivo

Centri impiego, assessori regionali del Lavoro a Di Maio: “Non pronti a marzo, servono 1-2 anni e raddoppio dipendenti”

next