Lettera aperta al Sindaco ed ai Cittadini e Cittadine del comune di Marzabotto.

Ottuso spirito di vendetta, prepotenza ed arroganza da meschino detentore di potere, cos’altro ha potuto spingere il Ministro dell’Interno a diramare una circolare perché tutti gli stranieri di Riace siano deportati? Credo che questo atto possa definirsi con una sola parola RAPPRESAGLIA. Salve ovviamente le dovute proporzioni storiche è allarmante ed inaccettabile che questa parola torni alla mente, non solo come un tragico ricordo ma come un fatto di attualità. Eppure il ricordo sarebbe dovuto bastare a far sì che mai più niente che abbia il senso della rappresaglia potesse riaffacciarsi , in qualsiasi modo e in qualsiasi forma, alla storia del nostro Paese, purtroppo pare che non sia così.

Per questo mi rivolgo a Lei signor Sindaco ed ai Cittadini ed alle Cittadine di Marzabotto. Marzabotto è il simbolo vivo della disumanità della rappresaglia. Marzabotto è un Monito doloroso. Vi chiedo un gesto che riconfermi i valori della solidarietà, della civiltà, della Resistenza. Vi chiedo di gemellarvi simbolicamente con il Comune di Riace. Ché la vostra storia tragica sia argine, barriera all’aggressione violenta a quegli stessi valori fondanti per ogni comunità che si possa ancora definire Civile.

Vi ringrazio restando in speranzosa ed appassionata attesa di una vostra risposta.

Vauro Senesi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Verona, “Aborto libero e garantito”: in migliaia in piazza per difendere la legge 194. Sostegno anche da Milano

prev
Articolo Successivo

Lodi, Di Maio: “I bambini non si toccano. Bussetti troverà una soluzione”. Colletta da 60mila euro per gli alunni stranieri

next