“Cari amici, è arrivato il giorno, quello in cui decidi che è finita per davvero”. Comincia così la lettera di addio al calcio scritta da Antonio Cassano, e diffusa via Twitter dal suo amico, il giornalista Pierluigi Pardo. Il 36enne, dopo due anni di inattività, negli ultimi giorni sembrava essere tornato in campo. Si era allenato con il club ligure dell’Entella, giocando anche un’amichevole e facendo sperare i suoi fan. Ma l’attaccante ha cambiato idea.

“In questi giorni di allenamento ho capito che non ho più la testa. Per giocare a pallone servono passione e talento, ma soprattutto ci vuole determinazione e io in questo momento ho altre priorità”, scrive ancora il calciatore, ringraziando il presidente Antonio Gozzi, i ragazzi della squadra per l’occasione concessa, i compagni incontrati negli anni di attività, gli allenatori e tutti i dirigenti. “Ma soprattutto voglio salutare i tifosi, quelli dalla mia parte e anche gli avversari, perché senza di loro il calcio non esisterebbe”, continua Cassano.

Il pallone mi ha dato tantissimo. Mi ha tolto dalla strada, mi ha regalato una famiglia meravigliosa e soprattutto mi ha fatto divertire da matti. È il gioco più bello che c’è“, prosegue ancora il calciatore, sottolineando l’emozione che prova tuttora quando guarda una partita.

Adesso comincia il secondo tempo della mia vita, sono curioso e carico di dimostrare prima di tutto a me stesso che posso fare cose belle anche senza l’aiuto dei miei piedi. Grazie a tutti di cuore”, conclude Cassano.

Solo a luglio 2017, dopo diversi annunci e smentite sul proprio addio, il calciatore aveva annunciato di non voler abbandonare questo sport e di “essere in attesa dell’offerta giusta”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lucas Paquetá, chi è davvero il nuovo acquisto del Milan: un talento puro che l’Europa può trasformare in campione

prev
Articolo Successivo

Italia bella e finalmente vincente: che il successo in Polonia sia il punto di partenza per Gravina presidente Figc

next