Era condannato per appartanenza alla ‘ndrangheta ma lavorava come operaio in un cantiere della metropolitana. Per questo motivo i carabinieri hanno arrestato Ferdinando Paparotto, un 54enne destinatario di ordine di carcerazione emessa dal tribunale di Palmi, in provincia di Reggio Calabria. Era condannato in primo grado a 16 anni per associazione a delinquere di stampo mafioso. I militari lo hanno rintracciato in un cantiere della metropolitana a Sesto San Giovanni, in provincia di Milano, dove stava lavorando come operaio.

Era stato arrestato nel 2014 insieme ad altre 23 persone nell’ambito dell’indagine “Eclissi” dei carabinieri di Gioia Tauro. Un’inchiesta sulla cosca “Bellocco-Cimato”, per cui il 54 enne avrebbe custodito e spostato armi al bisogno. Paparotto era poi tornato a piede libero, si era trasferito nel milanese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Ndrangheta, “pestavano imprenditore per estorcere denaro”: 5 arresti a Milano

prev
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, 16 anni di carcere a Rocco Barbaro: boss di Platì, gestiva un bar in centro a Milano. Era latitante fino al 2017

next