La macchia di petrolio formatasi nel mar Tirreno dopo la collisione di sabato scorso tra due navi è stata fotografata dallo spazio dal satellite Sentinel 1A. Quest’ultimo fa parte, con Sentinel-1B, della costellazione europea Copernicus, condotta da Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Commissione Europea. La motonave tunisina Ulisse, che trasportava autocarri e automobili, si è scontrata con la nave portacontainer Cls Virginia, battente bandiera cipriota, e da quest’ultima si è sversato il carburante al largo di capo Corso, a nord della Corsica.
Non ci sono state vittime, ma la collisione ha provocato una scia di petrolio lunga circa 20 chilometri. Sebbene l’incidente si sia verificato in acque francesi, le operazioni di pulizia sono effettuate congiuntamente da Francia, Italia e Principato di Monaco, nel quadro del piano d’intervento RamogePol per la lotta contro gli inquinamenti marini accidentali nel Mediterraneo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cina, traffico di pelle di elefante: è boom. “Il modo più rapido per estinguere la specie”

prev
Articolo Successivo

Populismo e ambiente, è deprimente che la gente tenga di più all’auto che alla propria salute

next