Battibecco in conclusione dell’audizione del ministro dell’Economia Giovanni Tria, tra il titolare di via XX settembre e Renato Brunetta. Il deputato azzurro chiede ripetutamente al Ministro Tria “se giovedì quando in Aula a Montecitorio verrà votato il Def – che contiene una stima dello spread a 240 punti – il differenziale sarà arrivato a 400 cosa accadrà, rifarà i conti?”. Tria inizia a rispondere, ma a quel punto il Presidente della Commissione Bilancio della Camera dei Deputati, Claudio Borghi spegne il microfono del Ministro Tria, che prosegue nella sua risposta a Brunetta. Al termine Brunetta va a stringere la mano al Ministro e lascia la Commissione e raggiunge i giornalisti nella sala accanto alla sala del ‘Mappamondo’ “Stiamo ballando su una polveriera e qui si parla di reddito di cittadinanza? Il Tesoro vuol mettere il Parlamento di votare su numeri certi? Lo spread a 240 punti è un dato non credibile”. Il Ministro dell’Economia ha lasciato la sala da un’uscita secondaria, evitando il contatto con i giornalisti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Europee, Fico: “M5s mai con Le Pen. Salvini alleato del Front National? Non è la mia strada”

prev
Articolo Successivo

Francesco Boccia, a me il suo spot al mercato è piaciuto

next