Il decreto fiscale collegato alla legge di bilancio non sarà all’ordine del giorno del consiglio dei ministri convocato per domani, mercoledì 10, a Palazzo Chigi. Secondo alcune fonti di governo la discussione potrebbe essere rinviata addirittura a lunedì. Spiega l’AdnKronos che mancano in particolare le norme per velocizzare i tempi della sanità e introdurre il meccanismo per risarcire i cosiddetti “truffati delle banche“. Ma la vera questione è quella della pace fiscale, che è promossa dalla Lega ma sulla quale restano parecchi dubbi del M5s. E’ una misura, spiegano fonti del Movimento all’agenzia Ansa, “non deve e non sarà un condono, ci stiamo lavorando”. Chi, tra i Cinquestelle, è favorevole al provvedimento ne spiega la ratio, differente da quella del condono: la misura, si sottolinea, è diversa dal condono del governo Berlusconi del 2002 in quanto “non perdona” chi ha dichiarato il falso al fisco, che è comunque perseguibile, ma riguarda solo chi non è riuscito a pagare sulla base di quanto dichiarato. I nodi relativi al decreto, tuttavia, non sono ancora risolti tanto che il governo ha optato per non inserirlo, come previsto qualche ora prima, nell’ordine del giorno del Consiglio dei ministri che quindi si occuperà solo di approvazione di leggi regionali.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nota al Def, Ufficio parlamentare bilancio non valida previsioni del governo: “Troppo ottimistico sul pil”

next
Articolo Successivo

Nota al Def, Tria tira dritto: “La volatilità a breve sui mercati non deve offuscare capacità di fare previsioni adeguate”

next