Matteo Salvini torna a parlare di pace fiscale che, dice, “sarà un intervento a gamba tesa“. Durante un’intervista a Rtl 102.5, il vicepremier spiega che questa riguarderà tutti i debiti “fino a 500mila euro” e sarà un intervento “a saldo e stralcio”, non solo su interessi e sanzioni ma anche “sul capitale”.

Il ministro dell’Interno sottolinea che “non sarà una classica rottamazione ma un intervento a gamba tesa. La pace fiscale che voglio portare fino in fondo è quella di milioni di italiani costretti a vivere da fantasmi, che hanno fatto la dichiarazione dei redditi e poi gli è andata male e si portano dietro cartella che non pagheranno mai”. Con questo provvedimento del governo, aggiunge poi l’esponente del Carroccio, “se il negozio è andato male, il figlio ha perso il lavoro e non riescono a pagare, io non voglio interessi, more, sanzioni e capitali. Te ne chiedo il 15%”.

Nessuna rottamazione, nessun regalo agli evasori “che hanno quattro Ferrari”, ma un intervento per chi ha fatto la dichiarazione dei redditi e, per reali difficoltà economiche, non è riuscito a pagare, sostiene il leader leghista: “Lo stato incassa quello che non avrebbe mai incassato, e tu torni a lavorare in pace“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Baschiera, il direttore ‘Robin Hood’ non è un criminale. Altri sì

prev
Articolo Successivo

Il Nobel per l’Economia 2018 assegnato agli statunitensi Nordhaus e Romer

next