Ormai è chiaro: ridurre il consumo di plastica è di vitale importanza per la tutela dell’ambiente. A tale scopo la Commissione Ue a fine maggio ha proposto un piano con limiti stringenti per aziende e istituzioni. Ma è necessario di pari passo far crescere la consapevolezza fra i cittadini: per questo è stata indetta la Giornata ‘Plastic free challenge‘.

“Il 4 ottobre il ministero dell’Ambiente ha dato il buon esempio liberandosi dalla plastica”, ha dichiarato il ministro Sergio Costa. Sul tema abbiamo dialogato con i cittadini in strada. “Il problema è molto grave, ma a livello individuale non possiamo fare molto”, dicono gli scettici. “Ai consumatori dev’essere fornita un’alternativa, per esempio nuovi prodotti a costi accettabili in materiali biodegradabili”, aggiunge qualcuno. Ma molti altri dichiarano di aver già modificato le proprie abitudini. “Spetta a ciascuno di noi contribuire al cambiamento, per esempio noi in famiglia con semplici accorgimenti abbiamo ridotto di due terzi l’uso della plastica”, afferma un giovane padre. “Serve impegno, ma fare a meno dei prodotti in plastica monouso e di molti imballaggi alimentari è possibile”, spiega un altro degli intervistati. E voi che ne dite?

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tmb Salario Roma, cittadini: “Bruciano narici e occhi, viviamo con le finestre chiuse”. E monta la rabbia contro la Raggi

next
Articolo Successivo

Geotermia, in Toscana comitati e Comuni rallentano il Pd: “Stop ai lavori per le nuove centrali, prima regole precise”

next