Un tritadocumenti nascosto nella cornice, forse azionato dallo stesso artista, ha distrutto buona parte di Girl with Baloon. L’opera di Banksy era appena stata venduta all’asta di Sotheby’s, a Londra, a un offerente telefonico per 1,04 milioni di sterline (circa 1,2 milioni di dollari).
Dopo che il banditore ha battuto il martello, la tela è uscita dal quadro in striscioline, con l’iconica figura della ragazza con palloncino fatta a pezzi. I presenti, come si vede nel video, sono rimasti scioccati (almeno in un primo momento) e poi, divertiti, hanno iniziato a riprendere quanto era appena accaduto con gli smartphone. “Siamo stati Banksyzzati”, ha ironizzato Alex Branczik, senior director di Sotheby’s. “Siamo impegnati a capire che cosa possa significare nel contesto di un’asta”.

Video Instagram

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’inviato di Zoro a Conte: “Ho portato bene a Renzi…”. Il premier urla e si tira indietro

next
Articolo Successivo

L’impressionante crescita del grattacielo “Curvo” di Milano: il timelapse di Citylife accanto al “Dritto” e allo “Storto”

next