Io candidato renziano? Non ho lavorato sugli aggettivi, sarà Renzi a decidere chi vuole sostenere. Non mi sento candidato di nessuno”. Così a Otto e Mezzo (La7) il senatore Pd, Matteo Richetti, risponde alla conduttrice Lilli Gruber, che lo incalza sulla sua vicinanza all’ex segretario dem. Richetti spiega: “Matteo è un collega, ci parliamo tutti i giorni, sono stato il portavoce della sua segreteria, abbiamo lavorato insieme alle sfide di questo Paese. Su alcune questioni abbiamo dato risposte importanti e i numeri lo stanno pure confermando, da quelli sul mercato del lavoro a quelli sull’occupazione. Tuttavia, nel partito, alla cui segreteria mi candido, ci sono state mancanze enormi, che io ho denunciato anche da dirigente del Pd”. Sulla scelta “pop” dell’ex ministro Maria Elena Boschi, protagonista della copertina del nuovo numero di Maxim, osserva: “Secondo me, la strada per battere i sovranisti è essere più credibili, più autentici, più appassionati, forse anche più responsabili. Io giro un po’ alla larga da certe scelte. Finché sto in politica, faccio politica e servo le istituzioni. Dopodiché non giudico le scelte di nessuno”. Poi spiega la sua idea di Pd: “In Europa il mio partito tiene insieme Macron e Corbyn. Dobbiamo costruire un campo democratico con dentro entrambi”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fubini vs Borghi: “Lei fa trading col debito italiano e muove il mercato conle sue dichiarazioni?”. “Ridicolo e offensivo”

prev
Articolo Successivo

Lucano, Saviano a Propaganda Live: ‘Si vuole fermare un sindaco e un modello vincente. Complice il bomber Salvini’

next