Un maresciallo dei carabinieri, ex capo dell’aliquota di polizia giudiziaria della Procura di Padova, è stato condannato dal tribunale collegiale del capoluogo euganeo a due anni e cinque mesi di pena per rivelazione del segreto d’ufficio e favoreggiamento. Secondo l’accusa avrebbe approfittato del suo ruolo all’interno della Procura e, venuto a conoscenza di indagini secretate, ne aveva rivelato il contenuto agli indagati. Tra i fatti contestati c’è l’aver fatto sapere a Giancarlo Galan nel 2013 che la Guardia Finanza di Venezia stava indagando su Villa Rodella, finita successivamente al centro dell’inchiesta sul Mose.

L’ex carabiniere è ancora al centro di un processo per tentata concussione, per la quale in primo grado è stato già condannato a 4 anni. In quel contesto il maresciallo, grazie al suo ruolo di primo piano nelle indagini della Procura, secondo l’ipotesi dell’accusa, aveva fatto pressioni per favorire un amico imprenditore ad aggiudicarsi un lavoro per Arpav, promettendo all’ex direttore dell’ente una tangente. Il processo d’appello si terrà la settimana prossima.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Marinai morirono 35 anni fa in incidente, Cassazione: “Vittime del dovere, mezzo in pessime condizioni: Stato risarcisca”

prev
Articolo Successivo

Barriere autostradali, verso indagine della procura di Avellino lungo la rete

next