Un maresciallo dei carabinieri, ex capo dell’aliquota di polizia giudiziaria della Procura di Padova, è stato condannato dal tribunale collegiale del capoluogo euganeo a due anni e cinque mesi di pena per rivelazione del segreto d’ufficio e favoreggiamento. Secondo l’accusa avrebbe approfittato del suo ruolo all’interno della Procura e, venuto a conoscenza di indagini secretate, ne aveva rivelato il contenuto agli indagati. Tra i fatti contestati c’è l’aver fatto sapere a Giancarlo Galan nel 2013 che la Guardia Finanza di Venezia stava indagando su Villa Rodella, finita successivamente al centro dell’inchiesta sul Mose.

L’ex carabiniere è ancora al centro di un processo per tentata concussione, per la quale in primo grado è stato già condannato a 4 anni. In quel contesto il maresciallo, grazie al suo ruolo di primo piano nelle indagini della Procura, secondo l’ipotesi dell’accusa, aveva fatto pressioni per favorire un amico imprenditore ad aggiudicarsi un lavoro per Arpav, promettendo all’ex direttore dell’ente una tangente. Il processo d’appello si terrà la settimana prossima.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marinai morirono 35 anni fa in incidente, Cassazione: “Vittime del dovere, mezzo in pessime condizioni: Stato risarcisca”

next
Articolo Successivo

Barriere autostradali, verso indagine della procura di Avellino lungo la rete

next