“A qualcuno dà fastidio che stiamo attuando le promesse della campagna elettorale. Ma noi non ci fermeremo davanti alle minacce, perché queste cose le dice una Commissione che non ha neanche l’1% dei consensi dei cittadini, non è eletta da cittadini italiani ed europei”. Così Luigi Di Maio, a margine della presentazione delle proposte di riforme costituzionali alla Camera, sulle polemiche sul Def. “Facciamo un po’ di deficit per una volta, ma noi il deficit lo restituiremo l’anno prossimo, perché con i tagli e la crescita abbasseremo il debito”, ha rivendicato. Per poi concludere: “Lettera da Ue? Non ne ho alcuna notizia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Riforme, Di Maio: “Inutili troppi parlamentari, non Parlamento”. Fraccaro: “Non stravolgeremo Costituzione”

next
Articolo Successivo

Ponte Morandi, M5s e Lega votano ordine del giorno del Pd in consiglio regionale: “Tavolo per modificare decreto Genova”

next