La Nazionale italiana di hockey su carrozzina è campione del mondo e non era mai successo prima. L’Italia ha vinto la finale del Mondiale nella sera del 30 settembre a Lignano Sabbiadoro. Nel match più importante della competizione internazionale gli azzurri hanno battuto 2-1 ai rigori la Danimarca, soffrendo il giusto in una partita equilibrata ma sempre con la giusta determinazione e consapevolezza dei propri mezzi.

“È un momento storico per il nostro movimento sportivo e per me rappresenta una emozione straordinaria”, racconta a Ilfattoquotidiano.it il presidente della Federazione Italiana Wheelchair Hochey, Antonio Spinelli. “Questa vittoria sofferta ma giusta – aggiunge il numero uno della FIWH – è il frutto di un grandissimo lavoro di tutto lo staff tecnico della nazionale ma non solo. Il nostro movimento è cresciuto tanto a livello di club, la nazionale è migliorata negli ultimi 4 anni di questa gestione tecnica. Il duro lavoro ci ha permesso di arrivare sul tetto del mondo. Grandi ragazzi”.

La squadra azzurra è stata la principale protagonista del Mondiale, superiore agli avversari nei momenti decisivi, dimostrando di essere “una nazionale fortissima, un gruppo coeso e con tanta passione per questo sport. Complimenti ai giocatori, siete stati strepitosi”, ha commentato anche il presidente del Comitato Italiano Paralimpico Luca Pancalli presente a Lignano Sabbiadoro. Molto soddisfatto del risultato ottenuto l’allenatore Saul Vadalà che al Fatto.it dice “di aver visto i suoi ragazzi vivere il torneo con un’altissima tensione addosso, ma che per fortuna non ci ha creato particolari problemi quando occorreva fare il salto di qualità e vincere le partite. Trionfare ai rigori sia in semifinale contro la Germania sia in finale contro la Danimarca è qualcosa di strepitoso, abbiamo lottato fino all’ultimo e non abbiamo mollato mai”.

Vadalà sottolinea la prestazione complessiva degli azzurri e la freddezza al momento dei rigori di due giocatori entrati dalla panchina, Mattia Muratore e Andrea Felicani, entrambi realizzatori dei rispettivi penalty. “Grandissimo anche il nostro portiere Marco Ferrazza che ha parato 4 rigori fondamentali per la vittoria del titolo mondiale”. Il capitano azzurro Ion Jignea, di origini moldave, che ha segnato in finale un gol per il momentaneo vantaggio a Ilfattoquotidiano.it si dice “incredulo per quanto siamo riusciti a realizzare. Non pensavo che avremmo vinto il Mondiale ma evidentemente il duro lavoro e i sacrifici di questi anni hanno fatto la differenza. Una vittoria in casa vale doppio, giocare davanti ai nostri tifosi è stupendo. Ha vinto la squadra con il gruppo più forte e unito”.

La nazionale italiana di hockey in carrozzina esiste dal 2002 e fino ad ora aveva ottenuto come miglior risultato un 2° posto agli Europei 2016, mentre a livello di campionati mondiali aveva collezionato solo un 4° posto nel 2010. Il powerchair hockey è uno sport introdotto in Italia nel 1993 dall’Unione italiana lotta alla distrofia muscolare importandolo dai paesi del nord Europa, dove prese avvio dalle palestre delle scuole. La FIWH è stata costituita nel 2003 e nello stesso anno ottiene anche il riconoscimento della Federazione Italiana Sport Disabili, oggi Comitato Italiano Paralimpico. L’hockey in carrozzina permette a ragazzi e ragazze, di qualsiasi età e con patologie diverse, che dispongono di poca capacità motoria di confrontarsi giocando a livelli alti di agonismo. La particolarità di questa disciplina sportiva è che consente anche a chi non riesce a muovere le mani o che ha limitata forza muscolare di utilizzare uno stick applicato davanti alle pedane della carrozzina, strumento in grado di controllare la pallina o parare i tiri degli avversari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Juventus, Andrea Agnelli fa fuori pure Marotta: adesso inizia davvero la sua era

next
Articolo Successivo

Olimpiadi 2026, l’Italia si candiderà con Milano e Cortina. Appendino: “Incomprensibile, chiederemo conto”

next