Luigi Di Maio evocava l’impeachment, Matteo Salvini si preparava alle elezioni. Era la notte del 27 maggio e Sergio Mattarella aveva appena rispedito al mittente la squadra dei ministri proposta da Lega e Movimento 5 stelle. All’Economia c’era Paolo Savona. Sembrava l’inizio di una crisi istituzionale senza precedenti, un momento di rottura dagli esiti imprevedibili. Poi, le cose si ricomposero, con un compromesso: la nomina di Giovanni Tria al Ministero di Economia e Finanza (Mef). Un nome di mediazione, un tecnico, un professore che doveva garantire il Colle, che doveva frenare gli “eccessi”del governo del cambiamento, ma era accettabile dalla maggioranza giallo-verde.

Sono passati quattro mesi e le cose appaiono in un’altra luce. Con un ministro che ha passato mesi a garantire il rispetto dei vincoli e che alla fine è stato smentito dal suo stesso governo, costretto ad accettare il deficit al 2,4%, e ora addirittura (pare) convinto a non dimettersi da quello stesso Quirinale che lo riteneva un argine. Il dubbio appare legittimo: non è stata forse una vittoria di Pirro quella di Mattarella all’epoca della formazione del governo?

Non ha ottenuto una garanzia di facciata, adesso smentita dai fatti? Non è il 3% che vagheggia di sfondare Di Maio e sul quale riflette lo stesso Savona, è vero. Ma è abbastanza per non “demolire” il ruolo di Tria? Il percorso della manovra è all’inizio, le elezioni europee che possono cambiare tutti gli equilibri del Vecchio Continente, dietro l’angolo, le risposte arriveranno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La ricchezza informativa dei conti patrimoniali

next