“Il 2019 può essere un anno drammatico per l’Europa perché abbiamo le elezioni dal risultato incerto, poi la nomina della nuova commissione, poi quella del nuovo presidente della Bce. Nel 2019 possiamo ritrovarci un’Europa migliore, più forte, più equa, oppure un’Europa peggiore, meno forte e meno equa”. Lo ha detto il ministro degli Affari europei, Paolo Savona, illustrando davanti alle commissioni sulle politiche europee di Camera e Senato il suo documento sul futuro dell’Europa. “Il tema principale è aprire una discussione” anche con gli altri Stati membri, ha aggiunto Savona.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manovra, Meloni: “Se non c’è flat tax e taglio tasse, faccio campagna contro. Ho paura del M5s su economia”

next