Una sveglia genetica ogni mattina segnala alle pianta che è il momento di fiorire. Questo il risultato della ricerca dell’Università di Washington pubblicata sulla rivista Nature Plants, che ha individuato il responsabile di questo comportamento inaspettato in un gene chiamato FT. L’esperimento è stato condotto sulla più diffusa pianta da laboratorio, la Arabidopsis thaliana, e i risultati aiuteranno sia le coltivazioni sulla Terra sia quelle nelle future serre marziane.

Una delle decisioni più importanti che le piante devono prendere ogni anno è capire quando è arrivato il momento di produrre i fiori: infatti questi ultimi danno lo stop alla crescita vegetativa e sono un investimento molto dispendioso dal punto di vista energetico. I ricercatori guidati da Young Hun Song e Akane Kubota hanno scoperto che il gene FT, già conosciuto come uno dei fattori chiave per la produzione di fiori, ha un picco di attività ogni mattina, portando la pianta a fiorire prima.

“Pensiamo di aver capito perché questo picco di attività non è mai stato notato prima”, commenta Takato Imaizumi, uno degli autori dello studio: le ricerche precedenti erano state condotte su piante cresciute in laboratorio con luce fluorescente, mentre in questo caso sono state coltivate all’aperto. Quando i ricercatori hanno aggiunto alle piante cresciute al chiuso una lampada per imitare meglio la luce naturale e hanno aumentato un po’ la temperatura, anch’esse hanno manifestato il picco di attività mattutino. La scoperta costituisce un’opportunità di rivedere e modificare il modo in cui vengono coltivate le piante nei laboratori o anche nelle serre marziane del futuro, per riprodurre più fedelmente le condizioni naturali.

L’abstract su Nature

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Narcolessia, scoperta causa degli attacchi di sonno incontrollabili: “I linfociti T danneggiano un neurotrasmettitore”

prev
Articolo Successivo

Ipotesi di Riemann, matematico annuncia la dimostrazione ma (per ora) non c’è pubblicazione scientifica

next