La Francia si divide sulla sorte di un conducente di bus che, nella regione di Parigi, ha evitato di un soffio di investire un ragazzino che gli è spuntato davanti, ha fermato il mezzo, è sceso e gli ha mollato un ceffone. A termini di legge rischia il licenziamento, ma in sua difesa si pongono i sindacati, i colleghi – che hanno raccolto online 300mila firme – e anche la presidente della Regione, Valerie Pecresse, che invoca dall’azienda dei trasporti RATP “indulgenza”.

“Non avrebbe dovuto alzare le mani sul ragazzo – ha detto proprio la Pecresse, dirigente del partito di destra dei Republicains – e se ne è pentito, ma ha delle circostanze attenuanti”. Fra l’altro è stato vittima di “provocazioni e insulti” di alcuni presenti all’episodio. Il conducente ha spiegato ai superiori che il ragazzino, all’uscita di scuola, gli si era parato davanti al mezzo “in modo pericoloso”, costringendolo a “inchiodare e mettere a repentaglio l’incolumità dei passeggeri”.

Alcuni testimoni avanzano l’ipotesi che il ragazzino possa essere stato protagonista di una nuova sfida pericolosa fra coetanei, quella di gettarsi davanti a un autobus evitando poi d’un soffio di essere investiti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Iran, spari sulla parata militare: 29 morti e 53 feriti. Il gruppo Al-Ahwaz rivendica. Il governo: “Pagati da sauditi e Usa”

next
Articolo Successivo

Germania, donna italiana denuncia: “Ufficio immigrazione mi ha intimato di trovare lavoro entro 15 giorni o sarò rimpatriata”. Non è un caso isolato

next