Pace fiscale? Mi domando che senso abbia scrivere, nel contratto di governo, che la pace fiscale vale solo per i casi involontari di conclamata povertà e poi dire che, però, bisogna contestualmente mettere la galera per gli evasori fiscali. Se questa norma contro gli evasori non viene fatta, è un condono”. Sono le parole del direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, ospite di Otto e Mezzo (La7), a proposito della cosiddetta “pace fiscale”. Il giornalista legge un passaggio del contratto di governo: “C’è scritto che la pace fiscale deve riguardare tutte quelle situazioni involontarie di dimostrata difficoltà economica. Cioè soltanto chi non ha potuto pagare le tasse, perché non aveva soldi a causa della crisi, può rientrare in questo condono. Gli importi devono essere piccoli e il range deve essere molto ridotto. E invece sento dire che il tetto è un milione. Addirittura si era parlato di 5 milioni. Del resto, per fare 20 miliardi in cassa, come ha detto Salvini” – continua – “oppure cinque come sostengono alcuni sottosegretari leghisti, è ovvio che il condono debba essere ampio perché ormai i condoni portano poco anche quando sono ampi. Cioè la gente smette di pagare oggi perché aspetta il condono successivo, che è sempre più vantaggioso di quello presente. E noi veniamo da due o tre condoni del centrosinistra, chiamati voluntary disclosure o rottamazione delle cartelle, e da decine di condoni di Berlusconi e della Lega, che, da questo punto di vista, è abituata a votarli”. E aggiunge: “Se c’è solo il condono senza una norma contro gli evasori fiscali, ci si sente presi per i fondelli con questa roba della pace fiscale. Io poi, vorrei capire chi ci ha fatto mai la guerra. A me la guerra l’hanno sempre fatta quelli che le tasse non le pagano. Non me l’ha mai fatta il fisco. E mi sono anche un po’ rotto di pagare le tasse al posto di quelli che non le pagano. Quindi, già questo è impopolare presso gli onesti”. Travaglio chiosa: “. Se poi la chiamano pure in un altro modo e non aggiungono nessuna sanzione come da contratto per gli evasori, sarà un condono e sarà molto impopolare soprattutto per chi i condoni li ha sempre denunciati, come il M5s”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PADRINI FONDATORI

di Marco Lillo e Marco Travaglio 15€ Acquista
Articolo Successivo

Myrta Merlino (La7) apparecchia il pranzo per Delrio: “Calenda non l’ha invitata, noi sì”. “Ma non mi sono offeso”

next