Pd da sciogliere e da rifondare? Non esiste per nulla al mondo. Io personalmente mi ci metterò col corpo contro. E’ un’idea semplicemente folle, tanto più se proviene addirittura da un gruppo dirigente delegittimato. Il Pd è una grande comunità politica di persone in carne e ossa, non ha proprietari e non è una società per azioni. Nessuno può pensare di sciogliere il Pd e poi salvare se stesso“. Così, ai microfoni di Radio Radicale, il deputato Pd, Francesco Boccia, commenta la proposta del presidente dem, Matteo Orfini. In una intervista rilasciata a Sonia Martina, il parlamentare analizza brevemente la cronistoria della crisi del Pd: “Abbiamo subito una sconfitta clamorosa, senza appello. Normalmente nelle grandi democrazie, quando accade questo, i protagonisti di quella sconfitta si ritirano dalla politica, lasciando spazio alle nuovi generazioni, indipendentemente dall’età, visto che la distruzione del progetto politico è avvenuta per mano di quarantenni. Con la segreteria Renzi la rottamazione a un certo punto si è trasformata nell’eliminazione, a volte quasi fisica, sul piano politico di qualsiasi avversario e di qualsiasi persona che avesse posizioni diverse da quelle del segretario. E l’ultimo congresso” – continua – “ha proprio rafforzato intorno a Renzi un certo gruppo dirigente, che poi è stato eletto in Parlamento, tranne una sparuta minoranza. Ci sarebbe stato bisogno di un gesto di generosità da parte di tutti loro e invece la follia alla quale assistiamo è di un gruppo di persone che continua a negare la realtà. Il merito del centrosinistra negli anni scorsi è stato saper tenere insieme gli ultimi con una parte della borghesia italiana. Oggi quel legame è saltato. L’esplosione del M5s nel 2013 non doveva essere un monito o un allarme, ma un allarme rosso, che invece è stato sottovalutato”.

E rincara: “Sotto il 25% il Pd non sarebbe mai andato, se almeno, e non era sufficiente, si fosse tenuto l’elettorato di sinistra. E invece Renzi, sulla scia di questa domanda di cambiamento, che ha interpretato effettivamente nel 2012-2013, ha poi iniziato una sorta di regolamento di conti con il passato, causando un volontario distacco di gran parte di elettori di centrosinistra, che poi hanno preferito i 5 Stelle. Così questi elettori hanno dato una lezione a noi, puntando a una rottura totale col Pd. Rottura che nessuno s’aspettava che potesse portare addirittura a rafforzare Salvini, cosa che però qualcuno tra noi aveva previsto, quando facemmo di tutto per evitare che si saldasse l’accordo di governo tra Lega e M5s. Renzi” – prosegue – “a un certo punto ha utilizzato la rottamazione come clava, ha regolato conti, ha fatto fuori persone. Quando ti ritrovi fuori dal partito, addirittura non più iscritti, personalità come Prodi, Veltroni, Letta, Bersani, Civati, è necessario riflettere. Quando andiamo in Europa e facciamo passare come nostri amici Juncker e la Merkel, che sono due esponenti della destra europea, è chiaro che la gente capisce che qualcosa non funziona. Abbiamo avuto primi ministri che con Juncker ci sono andati a braccetto. Ma noi con lui non abbiamo nulla in comune”.

Boccia è granitico sulla necessità del congresso: “Va convocato, soprattutto per rispetto nei confronti degli elettori. Qualcuno dice che verrà indetto dopo le elezioni europee? Sarebbe una cosa gravissima. Se avvenisse, sarebbe un golpe. Il congresso va fatto subito, c’era un impegno assunto in assemblea nazionale. Martina si era impegnato a covocarlo entro ottobre e sono sicuro che lo farà. I giochini, le scorciatoie, i tatticismi, che percepisco in queste ore, devono assolutamente terminare.Mi auguro che si superi la cultura del renzismo, che è diventato sinonimo di arroganza e di establishment

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ponte Morandi, Conte: “Il commissario? Manca ancora l’identikit. Nuovo viadotto quanto prima, vi stupiremo”

prev
Articolo Successivo

Vaccini, Lorenzin vs Taverna: “Suo ragionamento è incredibile: i suoi figli sono vaccinati ma degli altri non le importa”

next