Insulti, scritte omofobe (sgrammaticate) e svastiche sono state lasciate sui muri della Scuola Cultura Popolare alla periferia nord di Milano, in via Bramantino. I vandali sono entrati nella sede nella notte tra venerdì e sabato. La scuola, che si occupa anche di progetti di integrazione per migranti, avrebbe dovuto riprendere le attività in questa settimana. A denunciare il fatto su Facebook è l’associazione “Sentinelli di Milano“, che nella mattinata di domenica si è messa a lavoro, assieme a famiglie di volontari che gestiscono la scuola, per ripulire le pareti delle aule. Sulla vicenda è intervenuto anche il sindaco Giuseppe Sala, che vede l’attacco alla scuola come un “voler ostacolare il futuro del nostro Paese”. “Non possiamo più tollerare gesti come questo: da milanesi continuiamo a credere in una città aperta, solidale e profondamente democratica” ha concluso Sala su Facebook.

“Ormai sembra un bollettino di guerra. Ogni giorno un raid con svastiche, croci celtiche, minacce, pestaggi, intimidazioni” così l’associazione antifascista e arcobaleno su profilo Facebook. Non solo svastiche e insulti, ma anche disegni osceni, un tentativo fallito di scrivere il nome di Allah in arabo e anche un “W Salvini“. Tutte le aule sono state devastate da scritte con vernice rossa e banchi, sedie e materiali rovesciati per le stanze.

Dopo i dovuti rilievi delle forze dell’ordine, le famiglie dei volontari si sono messi all’opera per rimediare ai danni subiti. “Ormai è sdoganato tutto. Tutto” ha scritto su Facebook Luca Paladini, membro del’associazione. “Oltre il gesto mafio-fascista, da notare le scritte accanto le svastiche” commenta la notizia l’ex consigliere del comune di Milano Fabio Galesi “Abbiamo un ministro degli interni che inneggia violenza”. E continua poi sul suo profilo Facebook sostenendo che “un gesto ignobile e allarmante” deve essere condannato “da tutte le forze democratiche del Paese”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sesto San Giovanni, salgono sul tetto del centro commerciale per un selfie: 15enne cade nel condotto d’areazione e muore

next
Articolo Successivo

Vicofaro, chiudere il centro di accoglienza di don Biancalani significa negare il dialogo

next