“Fai schifo, vattene a casa e non fare pena agli italiani che ti votano xke sei storpia“. È questo il tenore degli insulti che sono stati rivolti a Chiara Bordi, 18enne di Tarquinia (Viterbo), concorrente all’edizione di quest’anno di Miss Italia, che sfilerà con una protesi alla gamba sinistra dopo essere stata vittima di un incidente in motorino, 5 anni fa. La ragazza ha deciso di rispondere agli insulti con un lungo post sul suo profilo Instagram: “Mi dispiace molto per lei perché a me mancherà pure un piede ma a lei manca cervello e cuore“.

“L’unica cosa che mi sembra assurda – osserva Chiara – è il dover leggere certe critiche da parte di una persona cresciuta e adulta e stare qui io, 18 anni, a giustificarla”. Ad accanirsi contro la ragazza è stata infatti una signora: non una ragazzina adolescente, ma una persona adulta e matura. Sotto una fotografia di Chiara postata dalla sorella in cui chiedeva agli abitanti di Tarquinia di sostenerla al concorso, la donna ha scritto che l’avrebbero votata “solo perché storpia”. Nella sua lunga risposta la giovane concorrente si dice dispiaciuta che alla signora “sia arrivato come messaggio il ‘votatemi perché sono storpia’ e non il ‘guardatemi, mi manca un piede ma non ho paura di mostrarmi al mondo'”.

Non si è fatto attendere l’intervento di Patrizia Mirigliani, patron di Miss Italia: “Trovo inaccettabile umiliare una ragazza che con grande coraggio e tra enormi sacrifici, sta provando a ritagliarsi il suo spazio nel mondo nonostante il dramma che l’ha colpita”. “Stiamo vivendo tempi bui dove chi denigra, invece di vergognarsi, si sente legittimato”, ha continuato Mirigliani, esprimendo la sua vicinanza e solidarietà alla ragazza.

Nel suo intervento, Chiara ha spiegato che a motivare la sua decisione di partecipare al concorso di bellezza più importante d’Italia è proprio la volontà di “mostrare alle persone ottuse (appunto) che una ragazza senza un arto può gareggiare al pari di tutte, che la diversità non è vincolante“. “Tutto sta nel saper reagire”, ha concluso la ragazza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli, filma la sosta selvaggia in doppia fila e viene aggredito: consigliere regionale insultato e schiaffeggiato

prev
Articolo Successivo

Ponte Morandi, polemica su Autostrade “Chiede a lavoratori colletta per vittime”. “No, iniziativa volontaria dei dipendenti”

next