“Non c’è nessun allarme tubercolosi dovuto ai migranti”. Così la ministra della Salute Giulia Grillo risponde al post su Facebook del suo collega di governo Matteo Salvini che, due giorni fa, commentando la notizia di un immigrato affetto da Tbc fuggito da una struttura d’accoglienza in Veneto, aveva scritto: “Quanti casi come questo? Purtroppo la tubercolosi è tornata a diffondersi, gli italiani pagano i costi sociali e sanitari di anni di disastri e di invasione senza regole e senza controlli”.

“Abbiamo un dipartimento prevenzione attivo h24: se davvero ci fosse un’emergenza, il ministero e l’Istituto superiore di sanità lo avrebbero segnalato“, ha detto il ministro M5S presentando i lavori del Comitato regionale Oms per l’Europa, che si terranno a Roma. “Anzi, i casi di Tbc in Italia sono in calo: erano 9,5 ogni 100mila abitanti del 1995, sono scesi a 6,5 nel 2017. Abbiamo dei protocolli molto serrati e rigidi per il controllo delle malattie infettive. Finora l’Italia è riuscita sempre a controllare bene tutti i casi verificatisi, non ultimi quelli relativi ai migranti della nave Diciotti”, ha concluso Grillo.

Le supposte “malattie” di cui sarebbero portatori i migranti erano già state argomento di dibattito pubblico alla fine di agosto, quando i cento sbarcati dalla nave Diciotti accolti dalla Cei erano arrivati nel centro di Rocca di Papa. Sotto l’annuncio fatto su Facebook dalla pagina ufficiale del Comune si era scatenata la protesta dei residenti, spaventati dalle notizie secondo cui a bordo della nave si erano registrati casi di scabbia e, appunto, Tbc.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, Matteo Salvini: “Accordo con la Germania? Firmo se ci aiutano a cambiare Sophia. Malta se ne frega dei suoi doveri”

prev
Articolo Successivo

Legionella, il leghista Mariani: “L’hanno portata i legionari dall’Africa”. Usuelli (Più Europa): “Teoria bislacca”

next