La statunitense Impossible ha annunciato di aver realizzato un drone capace di restare in volo per ben due ore. Il velivolo va così a compensare una delle più grandi seccature per gli appassionati e i professionisti, vale a dire il fatto che la batteria dura poco. Una manciata di minuti in genere, poco più per i prodotti professionali e più costosi.

L’Impossible US-1 è, per dirla con le parole dell’AD Spencer Gore, una “batteria volante“. L’affermazione è più di una battuta: tutto il corpo del drone costituisce infatti la sua batteria, mentre di solito è un elemento più piccolo e rimovibile posizionato in centro.

Quanto alle altre specifiche, l’Impossibile US-1 si estende in diagonale per circa 66 cm e può arrivare a 42 Km/h di velocità massima. Pesa circa sette chilogrammi, quindi meno dei 25 Kg per cui è obbligatorio l’apposito patentino – ma resta valido il regolamento ENAC a riguardo. È in ogni caso peso notevole, circa cinque volte il DJI Phantom 4 Pro; il che è del tutto comprensibile considerata la notevole capacità della batteria.

L’azienda produttrice sostiene di aver già ricevuto ordini da Vigili del Fuoco, servizi di emergenza e Forze di Polizia. Per questo tipo di clienti, è possibile aggiungere al drone sensori specifici e videocamere – il massimo carico possibile è di poco superiore al chilogrammo.

Nell’insieme l’Impossibile US-1 è sicuramente un prodotto di grande interesse per via del fatto che può restare in volo fino a due ore – ma il valore dichiarato probabilmente è superiore a quello reale. Meno entusiasmante invece il prezzo proposto: costa 7.500 dollari, che al cambio sono poco meno di 6.500 euro. Sarà in commercio verso la fine dell’anno.

Una cifra davvero sostenuta, accettabile solo per chi  – come i servizi di emergenza e di polizia – trova nell’autonomia un grande valore aggiunto. Diversamente, ci sono concorrenti che costano meno della metà – anche se nel migliore dei casi restano in aria per mezz’ora al massimo.

Potrebbe sembrare un esperimento o una semplice dimostrazione, ma nel comunicato dell’azienda si legge anche che questo approccio “è necessario per permettere ai velivoli elettrici di competere con quelli tradizionali“. Se l’US-1 dovesse in effetti tracciare la strada, un giorno tutti i droni potrebbero essere costruiti in questo modo; ma è troppo presto per dirlo oggi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Snapdragon Wear 3100, il nuovo processore Qualcomm rivoluziona gli smartwatch: autonomia da record e partner d’eccezione

next
Articolo Successivo

Assassin’s Creed Odyssey, abbiamo provato le prime ore del gioco Ubisoft

next