Assassin’s Creed è sicuramente una delle saghe videoludiche più famose al mondo. L’eterna lotta fra Templari e Assassini ha ammaliato tutti quei giocatori in cerca di avventure memorabili e protagonisti carismatici e iconici. Il brand Ubisoft negli ultimi anni però ha vissuto un periodo di stanca, dovuto forse all’assenza di idee valide in grado di rinnovare il gameplay che rese celebri i primi capitoli del franchise.

Dopo una pausa lunga due anni, lo scorso 27 ottobre arrivò Origins, una sorta di ripartenza spirituale che, oltre a proporre la storia delle origini che molti aspettavano, ha modificato (e a posteriori possiamo dire migliorato) l’ecosistema ludico del brand. Siamo passati da un semplice action adventure a un action RPG open world con meccaniche pescate a piene mani da altre produzioni (Destiny, The Witcher 3).

Odyssey riparte proprio da quei cambiamenti: siamo andati a Parigi per giocare una demo lunga ben otto ore, che si snodava fra i primi due atti della campagna single player. Sin dai primi secondi di gioco, Assassin’s Creed Odyssey mette in risalto quella che è la grande novità di questo nuovo capitolo: le scelte. La prima cosa da fare sarà infatti selezionare il sesso: Kassandra o Alexios, a seconda delle vostre preferenze. Se la struttura dell’open world rimane praticamente invariata rispetto a Origins, è la narrazione a prendere una direzione inaspettata e piacevole.

Le scelte multiple nei dialoghi daranno accesso a un’interattività inedita per il brand, che metterà nelle mani del giocatore la possibilità di determinare il percorso narrativo. Non esistono scelte giuste o sbagliate – assicura il team di sviluppo – perché ognuno potrà plasmare la propria Odissea. Ci troviamo infatti nell’Antica Grecia, più precisamente nel 431 Avanti Cristo; Ulisse e il suo viaggio sono già oggetto di miti e leggende .

Odyssey si conferma un videogioco di grande qualità estetica: i paesaggi e le isole greche sono riprodotte accuratamente, e l’atmosfera generale è di grande impatto. D’altronde Assassin’s Creed ha sempre avuto come punto di forza il setting storico: prima Origins poi l’attuale Odyssey hanno sottolineato ancora una volta come Ubisoft punti molto su questa caratteristica. La mappa di gioco, piuttosto vasta, sarà liberamente esplorabile a cavallo o in nave. Avremo a disposizione anche una particolare modalità, chiamata Exploration Mode, che disattiverà molti suggerimenti a schermo e ci obbligherà a un maggiore sforzo per trovare i luoghi d’interesse. Nulla di particolarmente esasperante, sia chiaro, piuttosto si tratta di un’introduzione oculata che aumenta -molto- il senso d’immersione.

Anche il sistema di combattimento ripropone quanto visto in Origins, arricchito però da una serie di abilità sbloccabili che renderanno gli scontri più dinamici. Abbiamo a disposizione mosse di vario tipo, le quali, una volta ottenute, si potranno assegnare a uno dei tasti della croce direzionale del pad. In questo modo le potremo utilizzare per risolvere le situazioni più complicate o per eliminare i nemici più ostinati. Sono presenti anche le solite fasi stealth che, però, soffrono ancora di un’intelligenza artificiale avversaria imprecisa e talvolta troppo superficiale. Peccato, perché nel complesso il combat system di Odyssey risulta godibile e divertente, anche se imperfetto.

Avendo virato verso la direzione del gioco di ruolo, in Odyssey sarà necessario salire di livello e raccogliere equipaggiamento sempre migliore per potenziare il protagonista. In questo senso l’esplorazione e lo svolgimento delle missioni secondarie giocano un ruolo chiave. Il design stesso del gioco spinge verso le attività “secondarie”, che permettono di raccogliere oggetti ma anche di arricchire il contesto storico e narrativo. Kassandra/Alexios sono infatti giovani mercenari che sentono il peso di un albero genealogico molto ingombrante e che dovranno lottare per trovare il loro posto nel mondo.

Insomma Assassin’s Creed Odyssey sembrerebbe un titolo solido. Un mondo di gioco ricco, variegato e affascinante si unisce a un gameplay che percorre le orme del predecessore, proponendo però una serie di piccole aggiunte e miglioramenti che rendono il primo impatto positivo e l’esperienza complessiva stimolante. Certo, ci sono ancora molti dubbi da chiarire, ma allo stato attuale (in attesa della recensione vera e propria) ci sentiamo di consigliare la produzione Ubisoft a tutti gli amanti del genere action RPG open world e, in particolare, agli storici appassionati della saga di Assassin’s Creed.

Assassin’s Creed Odyssey sarà disponibile dal 5 ottobre 2018 per Playstation 4, Xbox One e Microsoft Windows.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Impossible US-1, drone quadricottero con due ore di autonomia: batteria volante

next
Articolo Successivo

Google calcola l’impatto ambientale delle città. I Big Data al servizio dell’ambiente

next