L’Industria Italiana autobus (ex Bredamenarinibus e poi ex Irisbus) non andrà in liquidazione e saranno sbloccati gli stipendi. Questo il risultato del vertice al ministero dello Sviluppo tra azienda e sindacati. A dare la notizia è stata la Regione Emilia-Romagna. “Un primo passo importante. Finalmente – ha detto il presidente Stefano Bonaccini – un segnale positivo per i lavoratori per il quale, insieme a loro e ai sindacati, al Comune e a tutta la città di Bologna, ci siamo battuti”. “Un risultato importante” anche per il segretario nazionale Fiom Michele De Palma, che però sottolinea come la partita “resta aperta”.

“Il governo convochi il tavolo e avanzi una proposta credibile e condivisa con i lavoratori, e noi faremo la nostra parte”, ha continuato il presidente della regione Emilia-Romagna. “I temi della ricapitalizzazione, del futuro industriale e della produzione degli autobus devono trovare ancora una soluzione“, sostiene il sindacalista De Palma, ma “un risultato positivo è che nel verbale dell’incontro l’azienda ha garantito il pagamento dei salari arretrati e degli stipendi per i prossimi mesi”. I dipendenti dell’azienda infatti, in queste settimane di incertezza sul futuro dell’Iia, stavano ancora aspettando gli stipendi dello scorso mese. Entro 15 giorni ci sarà un altro incontro “per aggiornarci sugli assetti proprietari, e la Fiom sostiene un assetto a maggioranza pubblica per rilanciare la produzione di autobus nel nostro Paese”, conclude il segretario nazionale Fiom.

La situazione dell’Industria italiana autobus si trascina da oltre 4 anni, nonostante le rassicurazioni e l’esultanza dell’ex presidente del Consiglio, Matteo Renziche ancora una volta lo scorso autunno aveva festeggiato di persona la ripartenza della produzione e la risoluzione del problema quando in fabbrica c’erano non più di 70 dipendenti su 293. Eppure negli stabilimenti di Bologna e Valle Ufita, in provincia di Avellino, i lavoratori non sono affatto rientrati tutti in fabbrica e l’azienda – di proprietà del Gruppo Del Rosso e Finmeccanica – langue in una situazione di incertezza finanziaria, nonostante le commesse non manchino.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ex Irisbus, nuovo incontro al Mise per scongiurare il fallimento dopo il botta e risposta tra governo e azienda

prev
Articolo Successivo

Chiusure domenicali, la sociologa: “Il problema è garantire più diritti ai lavoratori che accettano turni scomodi”

next