Apre oggi, venerdì 7 settembre, il primo mega store di Starbucks a Milano e in Italia, la Reserve Roastery.  Il locale si trova in piazza Cordusio, a due passi dal Duomo e dal Castello Sforzesco. Il colosso del caffè americano, con oltre 25mila negozi nel mondo, ha scelto Milano per il debutto italiano, che il fondatore e presidente emerito della società, Howard Schultz, aspettava da anni. Nel mondo ci sono solo altre due StarbucksReserve Rostery come quella italiana, a Seattle e a Shangai. L’inaugurazione, giovedì 6 settembre, è stata in grande stile, con la piazza off limits, ingressi solo su invito, e uno spettacolo a cielo aperto dei ballerini della Scala.  Curiosità ma anche un po’ di diffidenza da parte del pubblico presente. “Domani verrò a provare il tuo caffè e se non sarà buono ti dirò ‘giù, non su'” è stata la scherzosa minaccia scherzosamente di una signora. Qualcuno non ha nascosto la delusione per la mancanza del famoso Frappuccino, prodotto di punta del colosso americano e presente in tutti i menu all’estero. “Se devi esportare un prodotto tipico americano, esportalo in toto. Quando Mc Donald ha aperto in Italia ha portato anche il BigMac”, ha commentato un ragazzo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Istat, report sulla popolazione: in calo i matrimoni e quadruplicati i divorzi

prev
Articolo Successivo

Starbucks, dentro lo store più grande d’Europa con sette tipi di caffè diverso: ecco com’è il negozio che ha aperto a Milano

next