Avevano fissato tutto, scelto la piazza e l’orario, avvisato sezioni e circoli: “Ci vediamo a Roma il 29 settembre“. Avevano dimenticato però che quel giorno nella Capitale, per di più in contemporanea, è in programma il derby Roma-Lazio. E allora hanno preso e cambiato tutto: “Contrordine compagni, ci si vede domenica 30“. Per ragioni di sicurezza, certo, perché la partita dell’Olimpico impegnerà – come sempre – un numero importante di forze dell’ordine ma anche, è evidente, per ragioni di opportunità. Tra spostamenti difficili, il grande richiamo dell’evento per i romani e pure una copertura mediatica che rischiava di essere offuscata, il flop della manifestazione del Pd era dietro l’angolo.

E siccome la rincorsa al governo M5s-Lega inizia con questo primo evento di piazza, meglio posticipare e non pensarci più. Così, alla fine, i dem chiameranno a raccolta il proprio popolo per “Con l’Italia che non ha paura” con 24 ore di ritardo. Sarà l’occasione per ‘contarsi’ al Nazareno, per capire su quali truppe potranno contare in vista degli appuntamenti più importanti dei prossimi mesi: il congresso e le elezioni europee. Due eventi che potrebbero rilanciare del Pd o sancirne praticamente la fine, tra appelli a cambiare nome arrivati persino da un candidato alla segreteria come Nicola Zingaretti.

Ecco perché il segretario Maurizio Martina tiene moltissimo alla manifestazione del 30 settembre e al Forum tematico del 27 ottobre a Milano, tanto da dedicarci un’apposita riunione della segreteria nazionale “tutta organizzativa”, come rivelato dalla responsabile comunicazione, Marianna Madia. E proprio lì è emerso il “rischio derby” che ha spinto i dem al cambio data. Lo aveva rivelato già Marina Sereni martedì sera durante la Festa dell’Unità di Ravenna, poi mercoledì l’ufficialità sul sito ufficiale del Partito Democratico, dove la data è stata cambiata direttamente all’interno del post dell’1 settembre che annunciava l’evento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ddl anticorruzione, nasce il pentito delle tangenti: “Deve parlare prima che sia indagato”. Salvini: “Ma no a processi sommari”

prev
Articolo Successivo

Manovra, Salvini: “Applicheremo a economia modello Aquarius. Alcuni milioni di Italiani saranno più soddisfatti di quest’anno”

next