All’ottava stagione dell’Aria che tira, Myrta Merlino rilancia e sceglie di uscire dallo studio per raccontare i casi più controversi e le realtà più difficili, sul campo in prima persona e senza filtri.

“Quest’anno sarò sul campo con i miei occhi –  spiega la conduttrice e autrice -. Ogni volta che potrò mi toglierò i miei amati tacchi per rimettere gli scarponi sul terreno. Ormai c’è una vera e propria guerra tra vero e falso e quindi è il momento, come dicono gli americani, dei boots on the ground, quasi come un inviato di guerra”.

Questa è una delle novità de L’Aria Che Tira che riparte lunedì 10 settembre, in diretta dalle 11 alle 13.30, su La7. All’interno del programma, le consuete interviste con i protagonisti della politica e del mondo imprenditoriale, ma anche gli approfondimenti, i collegamenti in diretta, le storie dei cittadini comuni troppo spesso vittime di vicende paradossali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rai, Gabanelli: “Modalità di spartizione sono rimaste le stesse anche con questo governo”. Mentana: “Disilluso”

prev
Articolo Successivo

Dallo spettacolo all’avanspettacolo, come la politica ha toccato il fondo

next