Il concorsone riservato ai docenti abilitati finisce sotto la lente della Corte Costituzionale. A deciderlo, con un’ordinanza firmata nei giorni scorsi e depositata lunedì, è stato il Consiglio di Stato, rimettendo alla Consulta la questione della legittimità di una norma attuativa della legge sulla ‘Buona scuola‘: quella che riserva il concorso per la scuola secondaria ai soli laureati in possesso dell’abilitazione all’insegnamento. E nel farlo ha ammesso con riserva alla selezione i candidati esclusi, cioè quelli in possesso della sola laurea più un certo numero di crediti qualificanti.

“Nel periodo dal 1990 al 2017, quando l’abilitazione era titolo necessario per accedere ai concorso – scrivono i giudici – averla conseguita o meno è dipeso da un complesso di circostanze casuali, non dipendenti dalla diligenza o dal merito dell’interessato, cosicchè, il mantenere la riserva agli abilitati costituirebbe un’irragionevole disparità di trattamento rispetto ai laureati.”

Il percorso delle prove, però, già partito da molti mesi, continua. I giudici amministrativi, infatti, hanno optato per non sospendere il concorso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ricomincia la scuola, andiamoci senza zaino e con diari uguali per tutti

prev
Articolo Successivo

Edilizia scolastica, mancano le verifiche di vulnerabilità sismica: “Solo il 5% degli edifici è stato adeguato”. Rischio chiusure

next