Tre ragazzi sono stati fermati con l’accusa di violenza sessuale di gruppo nei confronti di due minorenni a Menaggio, località turistica sul lago di Como. Secondo quanto ricostruito finora, si tratta di maggiorenni intorno ai 20 anni che fanno lavori stagionali nella località turistica. Le violenze sarebbero avvenute nella prima settimana di agosto, sono state le stesse vittime di 17 anni che si trovavano in vacanza a denunciare ai carabinieri nelle ore successive quanto accaduto.

La Procura di Como, guidata da Nicola Piacente, ha disposto quattro fermi e per ora sono state portate in carcere tre persone dai carabinieri di Menaggio e Cantù. Uno dei presunti stupratori è un italiano di nome Nicholas Pedrotti, gli altri due sono stranieri con documenti regolari. Da quanto si è appreso, la quarta persona, uno straniero, è riuscito a scappare: gli inquirenti stanno lavorando per rintracciarlo.

L’italiano è un 22enne residente a Chiesa in Valmalenco nel valtellinese. A fermare il giovane, un barista, sono stati i carabinieri che, da quanto si è saputo, sospettavano che si stesse preparando alla fuga, perché si era da poco procurato il passaporto.

Gli aggressori, secondo i primi accertamenti, sono tutti impegnati nel settore della ristorazione e dell’intrattenimento sul lago di Come, che d’estate è molto frequentato dagli stranieri e dai molti milanesi che hanno la seconda casa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Annuncio razzista sul treno, la dipendente Trenord torna in servizio. “Non sarà licenziata”

prev
Articolo Successivo

Crollo chiesa a Roma, la procura indaga per disastro colposo dopo il collasso del tetto di San Giuseppe dei Falegnami

next