Era scomparsa nel corso di un’immersione in Mozambico e la famiglia aveva avviato una raccolta fondi per ritrovarla, perché le ricerche erano molto costose. Ma oggi il corpo di Eleonora Contin, 34 anni, è stato trovato nella notte su una spiaggia a una quarantina di chilometri di distanza dal punto in cui era stata vista per l’ultima volta dal gruppo di sub che stavano facendo l’escursione con lei. Tra loro c’era anche il marito Matteo Gobbi.

Originaria di Chiavenna, Eleonora abitava a Milano e da 8 anni lavorava come responsabile dei rapporti istituzionali dell’orchestra sinfonica Giuseppe Verdi. Le ricerche erano scattate il 25 agosto scorso, dopo che la 34enne, subacquea esperta, era stata inghiottita dall’acqua nel corso di un’immersione vicino alla barriera corallina. A dare l’annuncio è stata la stessa orchestra Verdi sulla sua pagina Facebook. Non è escluso che Eleonora possa essere stata colta da un malore ma la dinamica dell’incidente è ancora tutta da chiarire.


Il marito aveva subito lanciato l’allarme e su Facebook e altri social network aveva lanciato tramite il sito gofundme.com una raccolta fondi, che in poche ore ha permesso di raccogliere 55mila euro, per fare in modo che le ricerche di Eleonora si interrompessero. L’appello era stato rilanciato sui social anche dal direttore della Verdi Ruben Jais e dai musicisti. E oggi è apparso sul sito dell’orchestra un messaggio per ricordare Eleonora. “Ringraziamo tutti per l’affetto e il sostegno – si legge sulla pagina Facebook dell’ente musicale – . Il Presidente Cervetti, la Fondazione e tutti i colleghi sono vicini alla famiglia in questo momento di grave lutto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Usa, richiedente asilo chiede 40 milioni per la morte della figlia di 19 mesi, ammalata in un centro al confine

prev
Articolo Successivo

Roma, 74enne investita a Colli Aniene. Forse uccisa da un pirata della strada

next