Fulvio Cinti, che è mancato qualche giorno fa a 96 anni, merita un posto speciale nella storia del design italiano. Dalla fine degli anni Settanta, dalla città di Torino, con la sua rivista Auto&Design ha affiancato e divulgato in tutto il mondo la cultura del car design italiano, dando parola ai progettisti, costruendo sistemi di comprensione della specificità della linea italiana.

Auto&Design ha sostenuto il ruolo del design dentro le aziende dell’automobile, in particolare il lavoro dei progettisti italiani; per molti decenni è stata l’unica rivista bilingue del settore nel mondo con un’autorevolezza e riconoscibilità indiscussa. Molto prima che si parlasse di globalizzazione, ha fatto percepire la dimensione internazionale del lavoro dei car designer e della ricerca sottesa alla produzione e utilizzo di un mezzo di trasporto come l’auto, che è stato di frequente speciale, molto spesso grazie a progettisti e aziende italiane.

Fulvio Cinti, che ricordava con orgoglio il suo lavoro di giornalista di cui ha portato la curiosità e lo stile nella rivista rendendola fresca e sempre aggiornata, conosceva ed era stimato da tutti in questo per lunghi anni piccolo mondo, dal “commilitone” Giovanni Agnelli a Giorgio Giugiaro e Giuliano Molineri, a Walter De Silva, emigrante di successo del car design italiano, in cui si muoveva con grande stile e signorilità.

Fulvio poi è stato per me un amico. Mi chiese molti anni fa di collaborare alla rivista, scrivendo non di auto ma di design, di arredamenti, di oggetti e altro. E subito mi disse – non era ed è sempre uso comune – che mi avrebbe pagato dignitosamente. Un giorno, assieme a Marco Fornasier, abbiamo progettato una rivista, certo controcorrente ai tempi delle firme e dei brand, che volevamo chiamare orgogliosamente Industrial design. Non siamo arrivati in fondo, ma è un ottimo orgoglioso ricordo che ci ha legati e di cui parlavamo spesso vedendoci; lui era così, anche avanti negli anni, un giovane ragazzo pieno di energie e passione per il proprio lavoro, le automobili, le persone.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festival Adarte, arriva la quinta edizione: spettacoli teatrali e proiezioni cinematografiche nel borgo di Calcata

next
Articolo Successivo

Pagine dall’Oriente. Tra nostalgia, curiosità e George Orwell

next