Nessuno sbarco, ancora, dalla nave Diciotti, arrivata alle 23.30 circa di due giorni fa nel porto di Catania con 177 migranti soccorsi al largo di Lampedusa. I profughi, è la linea adottata, non potranno lasciare il pattugliatore della Guardia Costiera in attesa della ripartizione tra i Paesi del’Unione europea dei migranti soccorsi.

Anche questa mattina sul molo di Levante è presente solo personale della guardia costiera, della polizia di Stato, della guardia di finanza e dei carabinieri, nessun volontario o appartenenti alla Protezione civile per l’assistenza allo sbarco.

Alla rete antirazzista di Catania, che ha manifestato ieri, si sono aggiunte oggi le cooperative dell’accoglienza che hanno esposto cartelli ed hanno chiesto al governo di sbloccare la situazione dei migranti presenti sulla nave. Glauco La Martina, della cooperativa Prospettive, ha affermato di ritenere l’opzione della ripartizione positiva ma ha chiesto che le persone a bordo vengano accolte e curate il prima possibile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diciotti, scontro Saviano-Salvini: “Eversore. Viola la costituzione”. “È tornato con le sue fesserie”

next
Articolo Successivo

Ponte Morandi, sequestro atti in sedi Autostrade. “Corrosione sul pilone 10”. La commissione: “Tronconi da abbattere”

next