“Ora come faccio ad andare ad Ostia?”, “Io devo andare al lavoro in aeroporto, dove passo?”, “Ma è chiuso solo oggi?”. “Ma perché non hanno avvisato prima?”. “Io ho lavori da portare avanti e gli operai non riescono ad arrivare”. Sono bersagliati di domande dei pendolari, alcuni adirati e che protestano in maniera accesa, e residenti i vigili urbani di Fiumicino che da ieri sera alle 19 presidiano il ponte della Scafa chiuso per accertamenti strutturali. Lo stesso accade sul lato di Ostia per i colleghi di Roma.

Sono ancora tanti quelli che non sanno nulla del provvedimento e rimangono sconcertati. Ieri sera le prime proteste. Una doppia linea di transenne preclude il passaggio delle auto, a parte qualche pedone che riesce ad attraversare il ponte. I vigili, con pazienza, fanno tornare indietro le vetture e dirottano verso la Roma-Fiumicino, il raccordo e la via del Mare. E viceversa. Una situazione che, se il provvedimento proseguirà a lungo, andrà ad impattare con il rientro di tanti residenti e pendolari dalle ferie e con la riapertura delle scuole

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mario Congiusta, morto il padre coraggio che da 13 anni chiedeva giustizia per il figlio ucciso dalla ‘ndrangheta

prev
Articolo Successivo

Calabria, i soccorritori: “Allertata anche la Guardia costiera, i morti possono arrivare in mare”

next