Centotre soggetti sono indagate con l’ipotesi di associazione a delinquere finalizzata alla frode in commercio per la contraffazione del prosciutto Dop San Daniele. Numerosi i reati contestati dalla procura di Pordenone alle persone e alle società sotto inchiesta, tra cui responsabili e impiegati del macello di Aviano, allevatori, prosciuttifici, ispettori del Consorzio di tutela. Contestualmente alla chiusura delle indagini sono stati emessi decreti di sequestro per 270 mila prosciutti, per 27 milioni di euro. La Procura ipotizza anche truffe per ottenere un contributo previsto dal piano di sviluppo rurale della Comunità europea di 400mila euro, e per incassare ulteriori contributo per 520mila euro. Scoperti anche reati di natura fiscale e ambientale.

Sotto inchiesta ci sono 62 persone – tutti della filiera produttiva, di controllo e sanitaria – oltre a 25 imprese. Ci sono poi 16 posizioni stralciate ad altre procure. L’inchiesta è parallela a quella della Procura di Torino che ha fatto emergere le medesime ipotesi di reato in relazione alla Dop Prosciutto di Parma. Le condotte contestate riguardano anche la commercializzazione di carne di suino con la certificazione di qualità regionale “Aqua”, il cui disciplinare di produzione è analogo a quello del prosciutto di San Daniele.