Kai è un orso bruno dell’Amur, una zona della Siberia orientale. 17 anni fa la madre fu uccisa da cacciatori, e lui ancora cucciolo fu rinchiuso in una gabbia del museo della Cultura Ainu in Giappone. Oggi, grazie agli attivisti dell’associazione britannica Wild Welfare, l’animale ha finalmente potuto calpestare l’erba e correre libero fuori dalle sbarre. Il momento è stato filmato e pubblicato sui canali social dell’associazione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il cane più protettivo del mondo? È questo. La bambina gioca in acqua, ma per lui è troppo pericoloso. Ecco come reagisce

prev
Articolo Successivo

La balena è impigliata nelle reti, intervengono i sommozzatori della marina. Il salvataggio è spettacolare

next