Una lite tra “saltafila” si è trasformata in una rissa tra due famiglie dipendenti di un’agenzia turistica in zona Vaticano a Roma. È successo la mattina del 10 agosto, in viale Bastioni di Michelangelo, a due passi dai Musei Vaticani dove un litigio ha portato alla denuncia “per rissa aggravata da lesioni personali” delle quattro persone coinvolte, due uomini e due donne, impiegati nella stessa agenzia di turismo che organizza tour in zona San Pietro.

Secondo una prima ricostruzione, la zuffa ha avuto inizio quando il capo dell’azienda turistica ha dato uno schiaffo ad una suo dipendente argentina. Immediatamente i familiari della ragazza  hanno preso le difese della 20enne contro il datore d lavoro, un peruviano di 35 anni. Da qui la rissa in cui è intervenuto anche il padre dell’aggressore. Per sedare la colluttazione sono intervenuti  gli agenti della polizia locale del I gruppo “ex Prati” che hanno diviso il gruppo, non senza difficoltà. Nel tentativo di calmare le acque un agente è stato ferito ad un braccio, mentre  i due peruviani, padre e figlio di 59 e 35 anni, e un argentino di 45 anni, sono stati trasportati all’ospedale Santo Spirito. Hanno ferite non gravi, giudicate guaribili in 4 giorni.

I quattro sono stati denunciati per rissa aggravata da lesioni personali. Si è scoperto, poi che a carico dell’uomo di 35 anni ci sono vari precedenti penali per minacce e violenza privata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Capri, turista francese denuncia: “Drogata e violentata da un americano in hotel”

prev
Articolo Successivo

Milano, banda di writer spagnoli in azione sui vagoni della metropolitana: incastrata dai video della Polizia locale

next