Era prevedibile che tentassero di disfarsi delle numerose dosi di cocaina che avevano in casa, gettandole nel water. Così i carabinieri della Stazione di Tor Bella Monaca, che oramai conoscono bene le dinamiche dei pusher della zona, avevano intercettato il tubo di scarico della loro abitazione in via dell’archeologia. Mentre due carabinieri bussavano alla porta di padre e figlia di 71 e 32 anni, altri due militari si erano posizionati nel sottoscala in attesa della prevedibile mossa. È bastato attendere il toc toc alla porta ”aprite carabinieri” e come da copione, dallo scarico oltre all’acqua sono piovute palline bianche di cellophane contenenti cocaina e crack. I due pusher, dopo aver tardato ad aprire la porta d’ingresso, sono stati arrestati e le 470 dosi, divise tra cocaina e crack sono state sequestrate. Altre due persone, in via dell’archeologia, in un lotto diverso, sono state arrestate. Si tratta di due pusher 21enni, uno di nazionalità marocchina e l’altro romena, entrambi con precedenti, sono stati sorpresi mentre cedevano diverse dosi a giovani acquirenti. Una volta bloccati dai Carabinieri, sono stati trovai in possesso di ulteriori 10 dosi di cocaina e denaro contante, provento dell’illecita attività

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Esodo estivo, fine settimana da “bollino nero”. Code sull’A22. Traffico intenso in Emilia Romagna e Puglia

prev
Articolo Successivo

Aquarius, diario di bordo – giorno 2: “In caso di avvistamento non chiederemo autorizzazione, come prevede la legge”

next