Carlo Stasolla, presidente dell’associazione “21 luglio“, ai margini della Sala Conferenze della Camera dei Deputati ha parlato dello sgombero del Camping River. “Abbiamo svelato la propaganda del Comune di Roma. Una serie di informazioni falsi e numeri errati. Atteggiamento mistificatorio. I giornalisti e i cittadini non hanno ricevuto informazioni corrette. Il River è una grandissima macchia sulla città. Si sono violati gravemente i diritti umani. Il 25 luglio Salvini incontra la Raggi poi lo sgombero prima della decisione della corte, anticipando lo sgombero forzato. Adesso il 50% degli abitanti vive per strada e solo il 9% sono rientrati nel piano. Ciò certifica il fallimento di un progetto dispendioso che lede i diritti umani. Presumo che con un altro governo ciò non sarebbe successo. Chiedo alla Raggi chi è il responsabile e chi ha scritto il piano Rom e chiedo di modificarlo alla radice considerandone il fallimento”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Per noi esistono due colori, il nero e l’azzurro. Sempre no al razzismo”. Lo spot dell’Inter contro le discriminazioni

prev
Articolo Successivo

Riace, il sindaco che ha cambiato l’accoglienza ora fa lo sciopero della fame

next