Danilo Toninelli, ministro alle Infrastrutture, ha presentato in Senato le linee guida del suo dicastero. In particolare, sulla Tav ha detto: “Il governo attuerà la revisione dell’opera nell’ottica di una stima dei costi e dei benefici. Dopo l’analisi, una volta verificata l’utilità dell’opera, il governo potrà valutare l’eventuale vantaggio e gli eventuali costi di tutte le alternative che saranno ipotizzate, compresa quella di recedere dalla prosecuzione dei lavori“. In un altro passaggio Toninelli, sempre sulla Torino-Lione, ha affermato: “La revisione complessiva contempla anche l’abbandono del progetto“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Musei, il ministro Bonisoli: “Stop all’obbligo delle domeniche gratuite. Rischiamo di svalutare i nostri siti”

prev
Articolo Successivo

Salvini-Di Maio, sui ragazzi in carriera incombe il referendum in Val Susa

next